Se oggi utilizzo le mie conoscenze per aiutare gli altri, loro faranno lo stesso con me quando ne avrò bisogno.

Affitto di fondo rustico in comproprietà

Sono comproprietario con altri parenti di un fondo agricolo indiviso, ed un comproprietario non vuole affittare la sua quota. Posso procedere ugualmente all'affitto stipulando contratto di locazione triennale, senza la firma dell'altro comproprietario?

#affitto, #terreno agricolo, #fondo rustico,

 

Secondo la Cassazione n. 1662/2005 “la concessione di un bene in locazione o in affitto può avvenire su iniziativa disgiunta di ciascun condomino…”, perché trova applicazione la presunzione che il locatore abbia agito anche con il consenso degli altri.

Questo vuol dire che, in teoria, ognuno dei partecipanti alla comunione potrebbe decidere autonomamente di dare in locazione il bene.

Tuttavia, la sentenza Cass. 14759/2008 precisa che  la maggioranza dei comunisti, una volta appresa l’intenzione della minoranza o di uno di essi di cedere in locazione ad un terzo la cosa comune, ovvero una volta appresa l’avvenuta stesura del contratto, potrebbe opporsi  alla stipulazione o all’esecuzione del contratto stesso. A questo punto la maggioranza, comunicando al terzo affittuario  tale dissenso, renderebbe il contratto stipulato  invalido.

Ne deduciamo che l’affitto (in questo caso del fondo rustico ) effettuato da parte di uno solo dei comproprietari è perfettamente valido, purchè la maggioranza non si opponga. Inoltre, un’eventuale opposizione della maggioranza avrebbe effetto solo se manifestata durante il corso delle trattative o al principio del rapporto e non a rapporto già instaurato.